Eurk (Personaggio n. 1541)
Nome: Eurk
Cognome:
Soprannome: Manomonka
Sesso: Maschio
Razza: Mezzorco
Classe: Barbaro
Allineamento: Caotico Malvagio
Tratti caratteristici:
Età: 18 anni
Altezza: 185 cm.
Peso: 105 kg.
Occhi: Neri
Capelli: Neri
Informazioni:
Non appartenente ad alcuna fazione.
Partecipa alla quest: Sublimazione & Vendetta
Non è devoto ad alcuna divinità in particolare.
Descrizione:
Ehi, tu za ke e' bene non dizturbare mezzorko ke ripoza, vero?
Koza tu fuole? Te zapere koza fa io kui?
Zemplice, io no cerka molto: io cerka me diferte, me ha zoldi, me ha battaglia...
Tutto kui.
Certo per afere zoldi ogni tanto me defe zporkarzi le mani... ma quezto e' il bello, no?
Leggenda:
Voi folete mia ztoria, di me Eurk Manomonka...
Niente di meglio per pazzare tempo zotto le ztelle di quezta notte!
Mio padre è krante pirata orko di Moldend kuando lui trofa mia madre e lei difenta zpoza; lei ha già figlio di un altro umano, ke lei neanche ricorda il nome di kuezto umano, e poi io nasce.
Zolo ke dopo kualke anno, pirati di Moldend difenta tutti matti: pirati è bello perkè pikkia, fa battaglie, gira i mari e trofa tanto oro; ma loro no, loro decide ke loro defe fare krante guerra kontro re di Moldend e passa tutti i giorni a fare battaglie dafanti a Moldend, non più girare il mondo, non più oro...
E kozì io kontinua a krescere in ztrade pikkole e buie, facendo lotta kon altri ragazzi, ma mio fratello no, lui decide ke lui defe ztudia... ah... e ke lui defe antare a tempio per ztudia... lui poko difertente; e mio patre cerka di zpiegare a lui kome defe krescere, ma forze non gli da' abbaztanza botte in tezta, non kome a me.
Intanto i pirati kontinuano krante guerra, ma non fanno più oro, e anke noi in kaza non ha più molto da manciare... e kozì me ogni tanto pezka, ogni tanto pikkia kualkuno e prente zoldi, ke poi è piùdifertente.
Un ciorno (ke poi è poki ciorni fa), c'è una krante battaglia ke kontinua anke di notte, e la nafe di mio padre no torna... tutti dice ke è affondata, ma nezzuno ha vizto affondata, me penza ke loro ztufi di battaglie dafanti a porto e ora va per i mari del mondo!
E il ciorno dopo mio fratello dice ke lui no vuole più ztare a kaza e ke ora ke non c'è più pa' lui ve a ztudia a tempio, e mamma dice ke lui defe antare a tempio di Zamiria, ke la tanta gente ztudia, e da' a lui anello e dice ke lui uza per pagare ztudi... a me niente, anke me fuole antare via, me ora è krante e fuole fetere il mondo, girare i mari, afere oro e donne... a me niente, me defe reztare a kaza.
Allora me azpetta ke mio fratello fa, me prende ascia e zegue lui, poi raggiunge e kiede a lui mezzo anello, perkè anke me fuole fiaggiare; ma lui dice ke anello e zuo, ke mamma ha dato zolo a lui e ke kuinti lui no da' a me mezzo anello, allora me decide ke ze lui no da' a me mezzo anello, lui da' a me tutto anello, e me taglia zua mano e porta fia anello e lascia mio fratello zenza mano.
Poi me zkappa ke nezzuno trofa me e arrifa in pikkola città dofe fente anello per cibo, un'arma, kuezta armatura ed una donna per una notte; e poi io inkontra fekkio pirata zenza okkio, zenza mano, zenza gamba e zenza... zi, ha perzo anke kuello..., e dice ke ze me è pirata furbo no va a zud a Moldend, dofe pirati è tutti matti, ma a Ovezt, dofe c'è Karfellung, e Mare di Akue Interne e Impero di Tre Izole, e tante nafi ke portano oro... e pirati furbi ke hanno battaglie, mare, oro e donne!
Kozì ora me va a Ovezt.
Ah, zi, il pendaglio ke porto al kollo? Zi, è la mano di mio fratello, ze no perkè kiama me Manomonka?

Dormite bene ke domani zi riprente il fiaggio.